Gli americani hanno votato per un mondo migliore per i cani

La grande decisione di quest’anno ha causato molte divisioni tra gli americani, ma c’è una cosa che ci unisce più di ogni altra cosa: il nostro amore per i cani.

I cani sono stati un argomento di discussione in più città e quest’anno le persone hanno votato a favore dei loro cuccioli.



A San Antonio, in Texas, la scorsa settimana i funzionari della città hanno dovuto prendere una decisione importante in merito ai negozi di animali e alla vendita di cani. I legislatori hanno proposto di vietare ai negozi di animali la vendita di cani allevati a scopo di lucro e invece di limitarsi a offrire solo quelli ottenuti attraverso il salvataggio. La città spera che questa ordinanza aiuti a trovare case per cani senzatetto e a promuovere l’adozione piuttosto che incoraggiare l’allevamento di cani a scopo di lucro.




C’era ulteriore preoccupazione riguardo al fatto che molti dei cuccioli in vendita nei negozi di animali provengono da allevamenti di cuccioli, dove i cani sono costretti ad allevare i rifiuti dopo i cuccioli ei cuccioli vengono spesso venduti malati. Sebbene ci siano allevatori responsabili là fuori, i negozi di animali non li usano sempre. Molti negozi di animali non sono consapevoli delle condizioni in cui sono stati allevati i loro cuccioli. Altri sono semplicemente disonesti. Le persone ben intenzionate che vogliono solo un cane da amare finiscono per sostenere i mulini per cuccioli di cui potrebbero non sapere nemmeno l’esistenza.

I negozi di animali, tra cui Petland, che è spesso accusato di vendere consapevolmente cani da pastore, hanno assunto lobbisti per opporsi al disegno di legge. Petland afferma di garantire la salute degli animali che vendono e di assicurarsi che ogni animale venga esaminato da un veterinario.



Nonostante le loro argomentazioni, il consiglio comunale di San Antonio ha votato a favore dell’ordinanza, che entrerà in vigore il 1 ° gennaio 2021. Il sindaco Ron Nirenberg, un padre che salva i propri cani, si dice orgoglioso di votare a favore. .

“La mia famiglia ha avuto la fortuna di avere, a questo punto, quattro cani che erano stati precedentemente maltrattati da allevatori e allevamenti di cuccioli. E così, negli ultimi sei anni, ho aspettato questo. “

Facebook



Un’altra grande decisione è stata presa per i cani la scorsa notte a Denver, in Colorado. Il 2020 è stato un ottovolante per la legislazione sulla razza a Denver. A gennaio, il consigliere comunale Chris Herndon ha introdotto una misura che abrogherebbe il divieto decennale di Pit Bull della città. Il divieto è in vigore da trent’anni ed è stato approvato dopo che alcuni sfortunati incidenti hanno dato ai funzionari della città motivo di credere che i Pit Bull possano essere pericolosi. I legislatori hanno deciso che era troppo rischioso permettere ai Pit Bull di vivere nella loro città. Ma negli ultimi anni, gli amanti dei cani sono stati molto espliciti riguardo alle razze incomprese. Noi, come molti altri, crediamo che non esista una razza cattiva.

Anche il consigliere Herndon sembra pensarlo. A gennaio, lui e il consiglio comunale di Denver hanno votato per abrogare il divieto e consentire la proprietà dei Pit Bull con disposizioni speciali. Ma la vittoria è stata di breve durata. Il sindaco Michael B. Hancock ha immediatamente annunciato la sua intenzione di porre il veto alla decisione del consiglio comunale.

@ MayorHancock / Twitter



I cittadini di Denver si sono espressi a favore della nuova legge, ma il sindaco Hancock ha annunciato il 14 febbraioth che “non poteva in buona coscienza” sostenere la legislazione. Era la prima volta che aveva esercitato il diritto di veto su una decisione nei tre anni trascorsi dalla sua elezione. Il consiglio comunale ha avuto l’opportunità di revocare il veto del sindaco, ma sfortunatamente non ha ottenuto il sostegno della maggioranza di cui aveva bisogno dai suoi membri per farlo.

Ma la lotta non era finita.

Il consiglio è riuscito a ottenere il provvedimento nel ballottaggio di quest’anno. Quando i cittadini di Denver hanno espresso i loro voti per i loro rappresentanti, sono stati anche in grado di pesare sulla decisione se revocare o meno il divieto di Pit Bull.



Con la decisione nelle mani del popolo di Denver, il divieto di Pit Bull sarà abrogato il 1 ° gennaio. È stato approvato con il sostegno del 64,5% degli elettori di Denver. Il 35,5% ha votato per mantenere il divieto.



Il divieto si applica agli American Staffordshire Terrier, American Pit Bull Terrier e Staffordshire Bull Terrier. Coloro che desiderano che una razza Pit Bull viva nella loro casa potranno averne fino a due e dovranno registrarsi con Denver Animal Protection e ottenere un permesso “limitato alla razza”. Se dopo tre anni non vengono segnalati incidenti, i genitori di animali domestici dei Pit Bull saranno autorizzati a registrare i loro cuccioli come al solito.

I “Pit Bull” sono cani in modo schiacciante incompresi. In effetti, “Pit Bull” non è una razza, ma si riferisce invece a diverse razze con aspetti simili. Gli amanti dei cani sanno che sono affettuosi, giocherelloni e leali, ma questi cani hanno ottenuto una reputazione spaventosa con coloro che non li conoscono.




A causa della loro lealtà, i Pit Bull sono una razza preferita dai dogfighters. Vengono allevati da cuccioli e ricompensati per un comportamento aggressivo, che non è tipicamente nella loro natura. A causa della loro cattiva reputazione e dell’abbondanza di allevamenti, circa 1 milione di Pit Bull vengono soppressi ogni anno negli Stati Uniti. Ma questa decisione dà nuova speranza, che l’atteggiamento verso questi cani stia cambiando e che presto possano essere i benvenuti ovunque come amati membri della famiglia.

Queste decisioni dimostrano che il potere è nelle mani delle persone che amano i cani. Potresti avere un solo voto da esprimere, e forse non vivi in ​​queste città, ma persone come te stanno sensibilizzando sui problemi che riguardano i cani. Stai raggiungendo persone che potrebbero non essere a conoscenza di questi problemi attraverso il passaparola, i social media e il tuo sostegno ai salvataggi e ai rifugi locali.



Per favore CONDIVIDI per trasmettere questa storia a un amico o un familiare.

Diffondendo la consapevolezza, contribuisci a rendere questo mondo migliore per i cani.