La ricerca scientifica ci dice cosa pensano i cani

Scommetto che hai guardato gli occhietti innocenti del tuo cane e ti sei chiesto: “Cosa sta pensando?” A differenza del mio Yorkie, Leonard, che sta sul mio petto, mi piange in faccia e poi mi conduce al frigorifero come Lassie che guida le persone a salvare Timmy dal pozzo, forse il tuo amico a quattro zampe non ha capito come lasciarti so che vuole uno spuntino prima di coricarsi … o un po ‘di amore in più … o che lei è dispiaciuta per aver fatto la cacca sulle tue infradito.




Si scopre che la scienza non è tutta seria, anche se considero la comunicazione con i cani non c’è da ridere. I pensieri e la capacità di comunicare dei cani sono argomenti più popolari tra gli studiosi di quanto si possa pensare.

Ricorda, la parola è solo un aspetto della comunicazione. Parti del discorso come l’inflessione, il linguaggio del corpo e il dialetto sono tutte parti importanti della comunicazione. Alcuni esseri umani sono non verbali ma sono in grado di adattarsi e comunicare i loro desideri e bisogni, quindi perché i cani non possono?



I cani sono intellettuali, intelligenti e profondamente legati agli esseri umani

La scienza ha esaminato il modo in cui funziona il cervello di un cane per quanto riguarda la comunicazione. Vengono anche esaminate le credenze popolari sui cani e su ciò che provano in determinate situazioni.

Lo scienziato Marc Bekoff ha scritto il libro, Confidenziale canino: perché i cani fanno quello che fanno. Questo libro ha approfondito le credenze comuni sui cani come “Non dovresti mai abbracciare un cane”, “I cani non si sentono in colpa” e “I cani vivono solo nel presente”. Ecco cosa ha trovato:

Hanno bisogno del nostro amore tanto quanto noi abbiamo bisogno del loro.

È un’idea comune e una frase preferita: l’amore di un cane è incondizionato. Questo potrebbe essere vero per quel bravo ragazzo speciale nella tua vita, ma chiunque abbia conosciuto un cane con una storia di abusi sa che non è sempre così. Proprio come gli esseri umani che hanno subito traumi, i cani che sono stati maltrattati spesso hanno bisogno di un’enorme quantità di pazienza, rassicurazione e guida per imparare a fidarsi e ad amare di nuovo.



I cani non sono programmati per amare gli umani, qualunque cosa facciamo, ma invece il loro amore è ricambiato. Proprio come i bambini umani, i cani hanno bisogno di più delle nostre necessità di base per vivere vite appaganti. Contano su di noi per stimoli emotivi e intellettuali e supporto sociale. Fare un gioco di recupero o fermarsi ad annusare ogni cassetta delle lettere per strada è più importante di quanto noi umani crediamo.

Ci sono buone probabilità che si sentano in colpa quando mangiano le nostre scarpe preferite.

Alcune persone credono che i cani non si sentano in colpa. Chiedi al mio Leonard: “Chi ha fatto la cacca in casa?” e la testa appesa e gli occhi da cucciolo ti convincerebbero del contrario. Colpevole Leonard a parte, ci sono stati studi di neuroimaging che mostrano che i cani provano una vasta gamma di emozioni, incluso il senso di colpa.



Ricordano il loro passato e non vedono l’ora che arrivi il loro futuro.

È un’idea sbagliata comune che i cani vivano nel presente, anche se questa idea potrebbe cambiare. Google “cane riunito con soldato” e non avrai dubbi che i cani hanno una memoria impressionante.

Alcuni cuccioli amano davvero essere abbracciati.

La gente dice che non dovresti abbracciare un cane e in alcuni casi è assolutamente corretto. Tuttavia, essere abbracciati è una preferenza e, proprio come alcuni umani lo adorano, così fanno alcuni cuccioli. Ad alcuni cani piace essere abbracciati in determinate situazioni, da determinate persone o in determinate condizioni. Probabilmente è meglio tenere a bada gli abbracci per i cani che non conosci, ma se il tuo cucciolo di pelliccia è coinvolto, allora abbraccialo!



Devo andare! Leonard sta di nuovo piangendo davanti al frigo. Cosa hanno da dire i tuoi cuccioli?

Per favore CONDIVIDI per trasmettere questa storia a un amico o un familiare.

h / t: psychologtoday.com
Foto in primo piano: Belinda Fewings tramite Unsplash